DOM PERIGNON 2008 75CL 2008 12,5% vol CHAMPAGNE BRUT VINTAGE AOC

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 169 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 169 points può essere convertito in un buono di 5,07 €.


DOMPNU8

Nuovo

DOM PERIGNON VINTAGE  BRUT CHAMPAGNE AOC

Tipologia :  Spumante Metodo Classico Brut

Vitigno : chardonnay 52%, pinot noir 48% 

Affinamento : 8 anni sui lieviti

Produttore:  Dom Perignon - Moet

Zona di produzione: Francia

Maggiori dettagli

169,95 €

DOM PERIGNON VINTAGE BRUT CHAMPAGNE AOC

Più che il rating complessivo dell’annata , DP 2008 era atteso da molti appassionati come l’ultimo tassello del puzzle per valutare la vendemmia nelle sue caratteristiche (al netto di Salon e Krug che sono però ben al di qua dall’apparire sul mercato).
Nelle parole di Richard  Geoffroy la presentazione dell'annata  2008 di cui ha dato  una interpretazione personale di annata straordinaria:

“Si è parlato tanto della 2008 perché è un’annata “archetipo” ma, paradossalmente, per un archetipo una vendemmia archetipo così non si verifica spesso in realtà. L’impegno è andato bene al di là di quello che è risaputo sulla Maison, noi andiamo molto oltre perché vogliamo continuamente sorprendere nonostante la prerogativa di DP sia quella di essere eccellente sempre ad ogni uscita. Ma essere solo eccellente è riduttivo per DP e per i mezzi e le uve di cui dispone quindi l’imperativo di chi lo produce è di sorprendere chi lo assaggia, chi lo compra e per farlo è necessario sorprendere anche chi lo fa in cantina.
Archetipo di Champagne vuol dire anche una certa forma di rigore, tagliente netto il sorso , acidità elevata e sacrosanta sempre, un gusto che piace tantissimo agli abitanti della Champagne, meno ai forestieri più interessati ad equilibrio e longevità. Ma acidità e freschezza non sono la nostra prima preoccupazione bensì trovare l’equilibrio acido dell’annata senza forzare.
La 2008 rivisitata ha significato dare “più polpa all’osso”, spingere sempre oltre come ho sempre insegnato a Vincent, puntare lontano sempre, basti pensare all’epopea del pinot nero in rosso e rosa e le creazioni in rosè degli ultimi anni. Cercare polpa e ricchezza nella 2008 non era banale ma per avere sostanza bisognava osare, rischiare. Del resto è la nostra missione quella di cercare sempre qualcosa di straordinario, il vigneto non è immobile, non ci sono ricette, dobbiamo saper scegliere e adattarci.
Più che polpa, in realtà, la 2008 è muscolo tonico e affusolato senza la più pallida traccia di grasso, un millesimato atletico, denso, luminoso ed energico e già questo è rivisitare dell’archetipo. L’acidità dell’annata c’è e si sente ma è stata integrata con frutto ed energia, con un finale che mostra longevità e una grande persistenza aromatica, altra firma di DP."

Giallo paglierino vivo e luminoso, dal perlage fine e persistente. Al naso esprime bellissime note tostate e floreali che via via lasciano spazio a tracce di ananas e più in generale di agrumi. Un tocco di speziato apre ad un assaggio profondo e complesso, materico e vellutato, fresco ed equilibrato. Armonioso ed elegantissimo, chiude con un finale di impeccabile pulizia e compostezza.

Anche come aperitivo, si esalta con piatti ricchi di aromi, da un grande prosciutto spagnolo fino a ricette a base di tartufo bianco.