RINALDI BRUNATE BAROLO 75CL 2015 14% vol GIUSEPPE

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 186 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 186 points può essere convertito in un buono di 5,58 €.


RINBRU4

RINALDI GIUSEPPE BAROLO BRUNATE  DOCG

Tipologia: vino rosso fermo

Vitigno: Nebbiolo

Affinamento: 36 mesi in botti grandi

Produttore: Rinaldi Giuseppe e Marta

Zona di produzione:  Piemonte

NATURALE

VENDUTO SOLO A  PRIVATI CON RICEVUTA

Maggiori dettagli

186,20 €

You can order: 2 quantity of this product

RINALDI GIUSEPPE  BAROLO  BRUNATE  DOCG

Colore : Rosso rubino intenso, tendente al granato

Profumo :  Note di ciliegia e lampone, con un accento di fiori, tè e tabacco

Gusto: Robusto e importante, lungo e armonico, speziato e dal finale minerale

Il Barolo  Brunate  è un vino importante  intenso e molto elegante ,  affinato per 36 mesi in botte grande. Un bouquet complesso, con profumi di ciliegia, fiori e lamponi . Armonico e strutturato con un potenziale d'invecchiamento davvero notevole.

L'azienda Giuseppe Rinaldi di Giuseppe e Marta Rinaldi nasce nel 1890. Il capostipite Battista nell'Ottocento era contadino e coltivava alcune vigne del Marchese Falletti di Barolo, poi, divenuto proprietario di un piccolo podere, iniziò a vendere l'uva prodotta e con i figli iniziò l'attività di vinificatore. La tradizione famigliare dell'Azienda si tramanda di padre in figlio fino agli attuali proprietari Giuseppe e sua figlia Marta.

Le vigne della famiglia comprendono i più rinomati cru del Barolo: Brunate, Cannubi-San Lorenzo e Ravera. Giuseppe è sempre stato un profondo conoscitore e uno strenuo difensore del territorio del Barolo, una conoscenza che si traduce in vini classici, profondi, capaci di invecchiare magnificamente raccontando il terroir in cui sono nati.

Giuseppe, a poco a poco sta cedendo le redini dell'Azienda alla figlia Marta, laureata enologa alla scuola di Alba; giovane dunque, ma con una ormai lunga esperienza nella cantina e nelle vigne, avendo da sempre seguito il padre nella sua attività.

I due oggi conducono le vigne ubicate nei prestigiosi cru del Barolo con la massima naturalezza e rispetto rigoroso per l’ambiente. Una gestione che nasce dal legame profondo con il territorio e le sue tradizioni, un approccio che non dimentica mai l’importanza fondamentale della cultura contadina.