CERBAIONA MONTALCINO DOC 75CL 2015 14% vol ROSSO DI MONTALCINO

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 45 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 45 points può essere convertito in un buono di 1,35 €.


CERBRO

CERBAIONA ROSSO DI MONTALCINO DOC

Tipologia: vino rosso fermo

Vitigno: sangiovese

Affinamento: 24 mesi in botti di rovere di Slavonia di 20HL,17HL, & 10HL

Produttore:  Cerbaiona Az. Agr.

Zona di produzione: Toscana

Maggiori dettagli

45,90 €

CERBAIONA ROSSO DI MONTALCINO DOC

Nel gennaio 2020, esce il 2015 Cerbaiona Rosso di Montalcino, un prodotto dalla storia particolare poiché nasce come blend di due vini: per il 20% è Rosso di Montalcino 2015, mentre il restante 80% era atto a divenire 
Brunello di Montalcino. Quest’ultimo è stato declassato  volontariamente a Rosso di Montalcino dopo aver deciso di rinunciare alla produzione del 2015 Brunello di Montalcino. 

 Tutti convergono nel sostenere che il 2015 sia stata una stagione eccezionale, se non addirittura straordinaria, per il Sangiovese. Durante i mesi estivi si registrarono temperature molto alte, però compensate dall'arrivo - che pareva orchestrato - di piccole piogge e calo di temperatura. 
L’uva conobbe un percorso di costante maturazione, come poi dimostrò la vendemmia di fine settembre
contrassegnata da un frutto in perfetta condizione, assenza di marciume o muffe, e i semi dell’uva e raspi perfettamente maturi. I grappoli erano più piccoli del consueto, ma per questo gli acini avevano un sapore spiccatamente intenso. In breve: un coltivatore non avrebbe potuto chiedere di più. 

  " La scelta di non produrre un 2015 Brunello di Montalcino potrebbe destare perplessità risultando addirittura contraddittoria. E inizialmente, mentre le botti del Rosso di Montalcino 2015 e del Brunello di Montalcino 2015 invecchiavano nelle cantine di Cerbaiona, ero sicuro che l'azienda avrebbe imbottigliato due vini separati. "

 Passarono due anni e mentre quei vini si sviluppavano e mostravano la bellezza di un'annata eccezionale, procedeva una rigorosa ricostruzione e riassetto di Cerbaiona. Avevamo finalizzato l’acquisto di Cerbaiona a due settimane dalla conclusione della fermentazione dei vini 2015, frutto dell'ultima vendemmia sotto la direzione del precedente proprietario, Diego Molinari. 

Il periodo seguito al nostro insediamento come nuovi proprietari aveva richiesto un approccio nuovo: più di quanto io potessi immaginare. Si va dalla ricostruzione totale della cantina, al completo rinnovo di tutte le attrezzature, tini, e legni di invecchiamento, per non parlare dei nuovi impianti e della ristrutturazione dei vigneti. E così, mentre riuscivo a prefigurare come sarebbe potuto essere un 2015 Brunello di Montalcino nella sua forma più perfetta, dovevo accettare che certi aspetti dei vini si erano formati prima che li ereditassi.

 Potevo mettere in campo condizioni e metodi di lavoro i più efficaci possibili, ma con l’annata 2015 era come se avessi davanti a me un pianista precoce o un giovane atleta dal talento fuori dal comune. Le innate qualità e le caratteristiche del luogo erano lì, ma bisognava essere molto fermi e imporre una ferrea disciplina. Dovevo dire alla talentuosa Cerbaiona che, a prescindere dagli elogi e dai riconoscimenti ricevuti nel passato, doveva analizzarsi, interrogarsi e lavorare di più per determinare una propria visione. 

La decisione di uscire con il solo 2015 Cerbaiona Rosso di Montalcino e la rinuncia a produrre Brunello 2015 sono l’emblema del nuovo approccio di Cerbaiona. I custodi di un vigneto privilegiato e di una tenuta storica devono avere il coraggio di mettere in discussione il proprio.